Disoccupazione 2014: un fenomeno che non si estingue

online-jobs-concept-1417325-mE’ uno dei fenomeni più dilaganti da qualche anno a questa parte e non accenna a scemare, ma andrebbe limitato e riportato entro certi limiti il prima possibile: stiamo parlando della disoccupazione, fenomeno sociale che ha degli effetti collaterali devastanti sia a livello personale che di società.

Una persona che non ha un lavoro è un individuo che non riesce ad avere soddisfazione. Sia che si tratti di giovani che cercano la loro prima esperienza lavorativa che persone che, a causa della crisi economica, hanno perduto il lavoro, non riuscire a produrre e a “portare a casa la pagnotta” è una vera e propria piaga.

Il problema della disoccupazione c’è in ogni comparto produttivo, da quello turistico fino a quello industriale, sia tra le grandi aziende che tra le piccole e medie imprese. A livello industriale, purtroppo, sono tantissime le grandi fabbriche italiane che, a causa della crisi economica, sono costrette a mandare i dipendenti in cassa integrazione o a tagliare i turni di lavoro, con delle conseguenze decisamente pesanti, oltre che sulla ditta stessa, anche sui dipendenti che vedono un calo delle loro entrate.

Per rispondere alla disoccupazione è importante non perdersi mai d’animo e dedicare il periodo in cui non si lavora a fare qualche cosa di costruttivo, come curare la propria formazione personale seguendo dei corsi online per disoccupati, organizzati appositamente per sviluppare delle specifiche competenze da poter poi spendere nel mercato del lavoro e tornare il prima possibile “in pista”.

La disoccupazione è una cosa brutta, è vero, ma due delle armi più forti per poterla combattere sono l’ottimismo e l’ingegnosità.

Vendita online in Italia: trend e settori in aumento

shopping-trolley-1-1415378-mQuando si parla di vendita online ci si addentra in un mondo che non a tutti convince ancora. Il fatto di non trovarsi faccia a faccia con il venditore, tiene molti potenziali acquirenti sulle spine. Inoltre, la necessità di utilizzare una carta di credito (che sia direttamente o attraverso sistemi terzi, come il noto Paypal) è una cosa che fa ancora storcere il naso a molti. Nonostante questo, la sicurezza di acquistare su internet è assolutamente elevata (a patto di prendere le giuste precauzioni, ma quelle vanno prese anche nella vita reale) e lo dimostra il trend di crescita nelle vendite degli e-commerce.

Se guardiamo alle statistiche di vendita pubblicate da eBay, il più noto sito di aste online della rete, si nota come, nel corso del 2013, siano state fatte 60 vendite al minuto, sul solo ebay.it . Il settore maggiormente trainante è quello della telefonia e degli accessori, con 1 acquisto ogni 4 secondi circa. Al secondo posto l’informatica, con 1 acquisto ogni 9 secondi, e al terzo posto c’è la musica, con 1 acquisto ogni 10 secondi.

Se si guarda, invece, ad un rapporto sullo sviluppo dell’e-commerce in Italia, pubblicato di recente durante l’8° convegno italiano sull’e-commerce, si vede come il 2013 è stato un anno di contrazione per le vendite online in Italia. Nonostante questo, le previsioni per il 2014 sono rosee, poiché si stima che il fatturato dell’e-commerce nel mondo raggiungerà i 1.500 miliardi di dollari, in crescita rispetto all’anno prima. Anche quest’anno il settore che farà da padrone sarà quello degli smartphone, ma avrà dei buoni risultati anche quello della vendita online di scarpe uomo e donna, poiché legato al più generico comparto dell’abbigliamento online, che potrebbe affermarsi come una delle migliori sorprese dell’anno.

Il mercato dei prestiti: credit crunch in diminuzione?

Prestiti e Credit Crunch

Credit Crunch in diminuzione ?

Una delle conseguenze della crisi economica è il credit crunch, ovvero la sempre maggiore difficoltà di privati ed imprese ad accedere al finanziamento. Le motivazioni che portano al credit crunch sono diverse, a cominciare dal fatto che le banche e le società finanziarie chiedono delle garanzie sempre maggiori, che non tutte le famiglie o le società hanno, con la conseguenza di rendere praticamente impossibile avere accesso al credito.

Nonostante che il peggio della crisi economica sembra oramai alle nostre spalle, il problema del credit crunch è tutt’altro che risolto. Ancora oggi tante aziende e famiglie sono impossibilitate a richiedere prestiti o finanziamenti, con la conseguenza di dover chiudere (le imprese) oppure di scegliere canali alternativi (che spesso portano a finire nel cappio dell’usura): meno difficoltosi risultano i prestiti a dipendenti, grazie alle garanzie offerte dalla busta paga, ma la problematica resta forte anche in quest’area.

D’altra parte, è vero che il nostro governo sta cercando di combattere questo fenomeno con delle scelte e dei piani di sviluppo appositi. Ultimo in ordine cronologico è ‘Finanza per la crescita’, creato dal Ministero dell’economia, dal Ministero per lo sviluppo economico e da Bankitalia. Questo strumento è finalizzato per permettere alle imprese, in maniera particolare quelle di piccole e medie dimensioni (le più toccate dal credit crunch) di andare oltre gli ostacoli che rendono impossibile richiedere con successo dei finanziamenti. Tra gli strumenti presi in considerazione anche quelli che vogliono una partecipazione maggiore degli enti di risparmio di lungo periodo, come i fondi pensione e le casse previdenziali. Secondo il Velino sembra che solo 26 aziende su 100 sono state in grado di ottenere credito nell’ultimo trimestre dello scorso anno. Nonostante un dato migliore del passato (+8% rispetto al trimestre precedente) si tratta di un valore ancora decisamente basso, che deve essere assolutamente migliorato.

Tronchetti Provera stringe accordo: altre tre stagioni in F1 con Pirelli

Marco Tronchetti ProveraAlla fine ce l’ha fatta: Marco Tronchetti Provera stringe un accordo con la FIA, l’ente che regola lo sport automobilistico nel mondo, e per altre tre stagioni la Pirelli, di cui o stesso Tronchetti Provera è presidente, fornirà le gomme alle vetture di Formula 1.

Si tratta di un accordo annunciato qualche mese fa dallo stesso Tronchetti Provera, con il quale si conferma la bontà degli pneumatici messi a disposizione dall’azienda italiana per le vetture del “circo”.

Tronchetti Provera, milanese classe ’48, è uno dei più noti dirigenti di azienda italiani nel mondo. Dal 1992 è al vertice di Pirelli, dopo il fallito tentativo di scalata della tedesca Continental da parte di Leopoldo Pirelli, allora numero 1 dell’azienda di famiglia. Ancora oggi Tronchetti Provera si occupa con precisione e con grande spirito imprenditoriale di Pirelli, contribuendo a diffonderne il marchio e farne conoscere la qualità delle produzioni.

L’accordo con la FIA per altre tre stagioni di gomme a marchio Pirelli sono proprio uno dei vari passi e dei vari settori in cui Tronchetti Provera si è mosso per dare sempre maggior risalto e maggior luce alla “sua” azienda. L’accordo con la FIA consentirà, inoltre, una spinta sul mercato delle gomme destinate al mercato consumer, in particolar modo il settore motorsport (berline e sportive di lusso), che vede nel brand milanese un seguito sempre più appassionato e fedele tra gli automobilisti europei.

Lo stesso accordo prevede, tra le altre cose, che le gomme saranno utilizzate secondo le indicazioni stabilite da Pirelli e che i test siano fatti su vetture del 2013 (e non vecchie di 2 anni, come invece succedeva in passato). Marco Tronchetti Provera ha confermato che l’accordo non è frutto di pressione alcuna, ma della volontà di realizzare una collaborazione molto stretta tra Pirelli e FIA, che possa soddisfare entrambe le parti.

Il “Made In” che preserva l’industria italiana

made-in-italyIl “Made in Italy“, l’eccellenza italiana nel campo industriale che non c’è più. Da sempre l’Italia è stata all’avanguardia nel mondo per cinque settori industriali: chimica, high tech, informatica, aeronautica civile e elettronica di consumo. A questi settori si potrebbe aggiungere anche quello delle automobili, anche se c’è chi è pronto a scommettere che non sarà così.

Il settore del manifatturiero riveste importanza fondamentale in ogni economia. Negli USA, ad esempio, nella classifica delle prime 10 aziende per ordine di fatturato, ben 3 sono del settore manifatturiero, mentre altre 3 sono del settore petrolifero. Se si considera che il settore petrolifero non potrebbe esserci senza manifatturiero, si comprende l’importanza dello stesso. Ecco dunque che è fondamentale averlo sempre a disposizione.

L’Italia, da questo punto di vista, come sta? Fino ad ora diremmo non proprio bene, anche in considerazione del fatto che sono sempre di più le aziende nostrane che sono state vendute all’estero, anche in Cina. Alcuni esempi sono Pernigotti (venduta ad un’azienda turca), Chianti Classico (venduta ad un’azienda cinese), Parmalat e Galbani (finite in Francia), Carapelli e Sasso (finite in Spagna), Peroni (diventata Sudafricana). L’elenco potrebbe andare avanti ancora per molto.

Come fare per preservare l’industria italiana? La politica dovrebbe dare una mano in questo senso, magari abbassando le tasse sulle imprese. Secondo l’OCSE, infatti, la crisi economica ha portato ad un accresciuto costo del lavoro. In media, lo scorso anno, un dipendente con figli a carico pagava il 38,2% di tasse, percentuale che sale fino al 47,6% nel caso di dipendente senza figli a carico. [fonte Sole24ore] Tali quote salgono di molto se si prendono in considerazione i lavoratori autonomi e arrivano ben oltre il 60%. Sono percentuali da capogiro, che indubbiamente non fanno bene all’industria italiana e al “made in Italy”, che è così costretto a svendersi.

Punto crisi italiana: crisi economica ha colpito innanzitutto le industrie

crisiLa crisi economica non ha risparmiato nessun settore: turismo, industria, terziario, tutto è più povero di qualche anno fa. Sono tantissime le persone che dal 2009 (anno di inizio della crisi, anche se in Italia è arrivata qualche mese dopo) ad oggi hanno perso il lavoro. Secondo una recente analisi che arriva direttamente dall’UE, di cui ne ha dato notizia il Corriere della Sera, per l’Italia le cose non vanno assolutamente bene e si prevede che il PIL 2013 del nostro paese sarà in calo del 1,8%. Rimane invece invariata la previsione del PIL per il 2014: +0,7%.

Uno dei settori che è risultato essere più in crisi nel corso di questi ultimi anni è quello dell’industria, con tante fabbriche chiuse e tanti posti di lavoro in meno. Tra i vari settori industriali, quello delle auto è stato uno con la peggior crescita (o con la maggior decrescita), anche in virtù del fatto che le banche hanno chiuso i rubinetti del credito, il che significa che diventa più difficile avere dei prestiti personali, magari per comprare una vettura, il che, di conseguenza, porta ad evitare di acquistare auto.

Tra le tante aziende che sono state colpite dalla crisi o dalla concorrenza, in questo caso orientale, c’è l’italianissima Mivar, che chiuderà i battenti alla fine di questo anno. Come detto dal suo patron di sempre, Giuseppe Vichi, “la Mivar non esiste più” a causa, prevalentemente, di ragioni economiche.

Il “made in Italy” non aiuta tanto, anche in considerazione del fatto che sono sempre di più le aziende del nostro paese che sono state vendute ad imprese estere.

La Mivar chiude i battenti?

mivarChiude la Mivar, storica azienda italiana produttrici di televisioni, che dal 1945 ha realizzato prodotti finiti, almeno una volta, nelle case di tutti gli italiani. Mivar nasce proprio nell’anno in cui è terminata la Seconda Guerra Mondiale, per volere di Carlo Vichi, oggi 90enne. Il nome è l’acronimo “Milano Vichi Apparecchi Radio”.

La sorte dell’azienda è legata alla fine del tubo catodico e all’arrivo dell’LCD, come ha spiegato lo stesso Vichi, sia perché i componenti di questa tecnologia sono di provenienza orientale, sia perché i costi di manodopera che la Mivar doveva affrontare erano decisamente alti rispetto ad altri concorrenti. Questo ha portato l’azienda, soprattutto negli ultimi anni, a vendere ogni pezzo in perdita, dunque la fine era inevitabile.

Dal 2001 Mivar è perennemente in perdita e l’unico motivo per cui non ha chiuso è che ogni anno il signor Vichi ripianava le perdite di tasca propria. La parabola della crisi si nota anche andando a guardare il numero dei dipendenti aziendali: nel 1998 erano circa 1.000, nel 2008 erano scesi a 500, mentre oggi ci sono circa 40 persone, che si ridurranno a 4 o 5 per i prossimi due anni, dato che si tratterà solo di fornire la garanzia legale agli apparecchi che sono stati venduti fino a questo anno.

Mivar chiude i battenti dunque? La risposta è “no”, anche se nessuno in casa Vichi vuole farsi illusioni. Il nome cambierà il Milano Vichi Arredamenti Razionali, dunque un nuovo tipo di attività che sarà guidato direttamente da Luisa e Valeria Vichi, le figlie del patron Giuseppe. Ci auguriamo che anche questo storico di Italia non vada via.

Sempre più industrie assumono online

lavoroInternet come fonte per trovare lavoro. Sono tantissime le persone che cercano un’occupazione “sondando” la rete. Internet anche come fonte per cercare forza lavoro. Sono sempre di più le aziende che si rivolgono ad internet per cercare personale da integrare, a tempo determinato o a tempo indeterminato. Nella maggior parte dei casi sono le prime le posizioni offerte (55%), mentre solo il 15% delle offerte di lavoro appartiene alla seconda fascia. Un altro 11% è invece relativo a contratti di inserimento.

Secondo una indagine che è stata compiuta di recente dal Crisp, Centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità dell’Università di Milano Bicocca, in collaborazione con la Fondazione per la Sussidiarietà, il 40% delle aziende nostrane cerca lavoratori on-line, mentre un altro 32% ha intenzione di iniziare a farlo presto.

Tra febbraio e aprile 2013 sono state proposti 180.000 posti di lavoro in rete. Di essi, il 41% viene dal comparto industriale, che dunque si mostra all’avanguardia anche in questo settore, il 33% viene dal settore dei servizi e solo il 17% da quello del commercio.

Che titolo di studio viene cercato on-line dai datori di lavoro? La laurea è il titolo preferito nel 54% del casi, mentre nel rimanente 46% è sufficiente un diploma.

I siti web più usati per offrire lavoro (oltre che, ovviamente, anche per cercarlo) sono quelli specifici, come infojobs.it e trovalavoro.it , a seguire i siti di annunci, come kijiji, senza dimenticare ovviamente quelli delle agenzie interinali, come Adecco, Manpower e Umana.

La rete è dunque un mezzo sempre più usato per l’incontro della domanda e dell’offerta di posti di lavoro, sperando che sia anche un modo con cui poter diminuire la disoccupazione italiana che tanto affligge le nostre speranze di ripresa.

Lo Tsunami orientale: come le manifatture asiatiche stanno schiacciando l’industria italiana

industrie-italianeSe si gira per le strade di ogni città italiana si può notare una cosa in comune: le aziende italiane chiudono, quelle cinesi prosperano. Ovunque ci sono tanti negozi e negozietti “made in China” che si arricchiscono e si ingrandiscono, proponendo magari prodotti “made in Italy” (anche se fatti in fabbriche completamente cinesi, la cui unica peculiarità italica è quella di trovarsi entro i confini nazionali).

Perché questa tendenza? Come mai le manifatture asiatiche stanno schiacciando l’industria italiana? La risposta la si può trovare nei minori costi di manodopera che bisogna pagare per poter far costruire le cose in Cina. Sono tante le aziende italiane che hanno delle fabbriche di produzione in Cina, dato che il costo di manodopera è nettamente inferiore a quello che si pagherebbe dovendo dare lavoro ad un italiano.

Oltre a questo, è indubbio che i cinesi abbiano una certa capacità imprenditoriale che li spinge ben al di fuori dei loro confini nazionali: bar, parrucchieri, negozi di abbigliamento, superstore e da qualche tempo anche supermercati, nulla è “esente” dalle mani cinesi.

Sale il numero di imprese industriali italiane che sono state acquistate dalla Cina. Due nomi su tutti: la Ferretti che dal 1968 costruisce grandi yacht di lusso e la Cifa, che dal  ben 40 anni prima (1928) crea macchinari per l’industria del calcestruzzo. Sono entrambe aziende che sono finite sotto la bandiera rossa con cinque stelle gialle. Sale anche il numero di aziende italiane in cui il “dragone” ha qualche interesse economico e commerciale, grazie a delle partecipazioni più o meno grandi.

Come a dire: la Cina sta comprando le nostre fabbriche e noi non riusciamo a farci nulla.

Moda 2013/2014: i brand emergenti

desigual1Il panorama della moda finalmente subisce uno scossone deciso. Sono tanti, infatti, i nuovi brand che hanno portato una ventata d’aria fresca in quella che viene definita la moda giovane, quella pensata per i ragazzi, ma che piace tanto anche agli over trenta. Streetwear, moda da strada, è il trend che spopola tra le nuove generazioni, ma anche tra i più adulti quando si trovano fuori dal rigore di gesso degli uffici, via la cravatta e si mette su una bella felpa, magari con dei graffiti stampati, jeans e sneakers e va dalle scarpe donna ai pantaloni per uomo. Ma la moda da strada altro non è che l’abbigliamento dei giovani appassionati di Hip Hop, trend che ha inizio negli Stati Uniti e che viene esportato con estrema facilità.

Gli stilisti più blasonati però, per lo più, sono italiani o comunque europei. Questo è il caso di un brand spagnolo che, in meno di 5 anni, ha conquistato tutte le migliori vetrine del vecchio continente. Si tratta dell’ormai noto brand Desigual, caratterizzato da una produzione stravagante, giovane, multicolor, fuori dagli schemi. Amato sia dai giovani che dai meno giovani, propone capi estremamente originali, tutti freschi e colorati, che mettono allegria e rompono la monotonia dell’inverno. Vestiti da donna, maglie unisex, ma non solo, borse e accessori, Desigual ha fatto il pieno di vendite su tutti i fronti.

L’abbigliamento da uomo è invece firmato Your Turn, e Jack & Jones. Quest’ultimo ha una vasta produzione di t-shirt, accessori e calzature di tendenza. Capi innovativi che possono essere facilmente abbinati anche a elementi più seriosi per un outfit versatile sia per il tempo libero che per l’ufficio. Alla fine, infatti, è anche una questione di accostamenti, si può essere originali e giovani senza perdere in stile ed eleganza. Da menzionare anche il brand di Marc Ecko & Co, Ecko appunto, che ha realizzato collezioni notevoli votate allo urban style. I migliori Streetwear shop online offrono notevole disponibilità e prezzi davvero convenienti.